paroladilaura

Just another WordPress.com site

Archivio per la categoria “elucubrazioni”

Sanremo, San Faustino e tutto il cucuzzaro.

Io il post su san Valentino non l’ho voluto fare, ma vi pare che non facevo quello su san Faustino? Intanto aggiorno chi di voi non lo sapesse che il 13 febbraio anche gli amanti hanno avuto la loro giornata. In fondo pure loro amano e qualcuno ha ben pensato di dar loro un giorno per festeggiare. Quindi, riepilogando abbiamo: il 13 la giornata degli innamorati amanti, il 14 il giorno degli innamorati ufficiali e oggi, 15 febbraio, la giornata dei singles. Tutto accontentati tranne chi le corna le riceve, quindi propongo di nominare il 16 febbraio la giornata dei cornuti che mica è giusto discriminarli no?

Tanti dicono che chi non festeggia san Valentino é perchè é accoppiato e quindi ha facoltà di scelta, io invece l’ha detestato anche da singles. Lo so che tutte le feste sono commerciali ma questa lo è di più. Detesto entrare nel negozi e vedere tutti quei cuori che mi guardano oppure andare al ristorante e vedere coppiette che si guardano con gli sbrilluccicosi. Ho letto in giro che nei paesi anglosassoni è più la festa di chi si vuol bene e già così forse mi andrebbe bene, ma i baci perugina li detesto. Sarebbe più carino fare  tanti bigliettini da dare alle persone a cui si vuole bene, e magari chiamare quell’amica che non chiamiamo da tanto per dirle che le vogliamo bene.
E san Faustino? Ma che idea è di festeggiare chi è singles? Che magari già uno si sente sfigato perchè non accoppiato, riesce a passare indenne la giornata del 14 e zac si ritrova immersa in una giornata in cui tutti ti ricordano che non hai nessuno. Magari sti poveri cristi hanno tentato il suicidio guardando sanremo ieri sera, soli, piangendo guardando Celentano e i finti blues brothers ( che tristezza), in pigiama, aspettando che l’orologio arrivasse a mezzanotte e invece si alzano e qualcuno fa loro gli auguri di san Faustino! E no questa è cattiveria.
Scusate ma vi inserisco una piccola parentesi sanremese. Ma sono forse impazziti gli autori del festival? Io sono arrivata a Celentano e poi, dopo che il televisore ha tentato la fuga, ho capito che era troppo. Ho pensato di guardarlo per rimirare le sempre diverse scenografie  e le grandi mani di Morandi, ma quando ho visto Pupo con gli occhiali neri non ho retto. Non si potevano guardare. Chiusa parentesi.
Vogliare parlare poi della festa degli amanti? Di una tristezza infinita, non solo perchè già è brutto essere un’amante, ma festeggiare questa condizione mi sembra un pò troppo. E poi chi ci pensa a chi le corna le riceve, agli ignari che stanno lì tutti contenti e magari stanno per essere lasciati? Quindi io propongo di dedicare a loro il 16 febbraio perchè le discriminazioni sono sempre brutte, specialmente quelle in amore!

Oooooohhhhhhhh la neve!

Il fatto è che io sono cresciuta in un paese dopo la minima arriva a 10 gradi e il piumino d’ oca manco si sopporta perchè non c’é abbastanza freddo. Quindi ve la immaginate la mia gioia nel vedere Roma innevata? Sembravo una bambina orfanella, di quelle tristi dei film, che viene portata in un negozio di giocattoli. No dico, voi non mi crederete, ma io sono uscita apposta per pagare le bollette per guidare con la neve, che poi la macchina ha slittato e stavo per fare un incidente lasciamo perdere… rovinerebbe la poesia del post. E tra l’altro arrivata alla posta e dopo aver fatto la fila mi sono accorta di non avere i soldi. Ma vabbè io oggi sono felice quindi tornare  a casa e ritornare alla posta l’ho fatto con il sorriso sulla bocca. Vabbè il sorriso è per il 50% paresi facciale per il freddo.

Vabbè lo so che la neve crea disagi, si blocca il traffico, i romani non sono abituati ma posso dire “chi se ne importa?” Mi affaccio alla finestra e vedo la neve. No troppo bello. E tipo che questo sta diventando uno di quei post allucinanti, senza regole di trama che voi leggerete e penserete che sono mezza matta. Beh avete ragione!
Che poi io in una città che nevica tutto l’inverno non ci vorrei mica stare, a me piace la nevicata una tantum, tanto per ghiacciarmi le mani a fare le foto e poi scrivere “nevicata del 2012”. Mica lo sopporterei il freddo intenso, che devi uscire con i dopo sci e le calze sotto i pantaloni, non farebbe per me. Io sono freddolosa da guinness, porto le sciarpa tutto l’anno e quando fa troppo caldo la tengo in borsa e appena tramonta il sole , “zac” al collo. E poi la sciarpa in estate è anche un pò figa.
E poi porto i calzini fino a maggio, che non sono esattamente sexy, ma io sento freddo ai piedi che ci posso fare? Vedi quelle nei film che dormono con la sottoveste di seta, io non lo potrei fare, sento freddo solo a vederle certe scene.
Vabbè il post è finito e qui continua a nevicare, vado a fare una cioccolata calda, di quelle fatte  a caso con cacao, latte e farina e zucchero.

Navigazione articolo